LABORATORIO TELEPATICO “AL BIVIO”

Share Button

LABORATORIO TELEPATICO “AL BIVIO”

Sabato, 8 agosto 2020, ore 20.00 – 22.00
Il laboratorio viene ripetuto domenica, 9 agosto 2020, con lo stesso orario

Il seminario è basato sulla comunicazione telepatica, quindi sei libero di sceglierti un posto da dove partecipare. Puoi trovare versioni di questo workshop in tedesco, sloveno, russo, francese, spagnolo ed ebraico sulla pagina web dell’incontro: LifeNet 2020: http://www.lifenet.si/meditations
Puoi anche chiedere a Iveta Šugarkova della Repubblica Ceca, che coordina i laboratori sui cicli, di mandartelo via e-mail: iveta.sugarkova@gmail.com indicando la lingua desiderata.

Questo programma è stato preparato da Marko Pogančnik, artista UNESCO per la Pace, ambasciatore di buona volontà UNO e dall’Associazione VITAA della Slovenia.
Puoi distribuire questo programma ad amici o collaboratori fidati invitandoli via e-mail.
Non ti preoccupare per le differenze d’orario, lavoriamo in sintonia con il sole quindi inizia alle ore 20.00 dell‘8 agosto della tua zona di fuso orario.
Tieni vicino il programma stampato o in forma elettronica sul computer/cellulare in modo da poterti attenere all’orario.
Trova il tempo in ogni sequenza del programma per annotare le tue esperienze per poterle condividere più tardi con il gruppo.

Le nostre intuizioni, i nostri sogni e scambi ci dicono che proprio adesso l’umanità si trovi davanti a uno dei bivi decisivi. Una strada porta alla totale robotizzazione della nostra società e al controllo sull’individuo. L’altra strada porta alla co-creazione con gli esseri visibili ed invisibili di questo meraviglioso mondo, e alla pace tra i popoli della razza umana.
C’è bisogno di un gruppo relativamente grande per esprimere la decisione di quale delle due strade vogliamo percorrere nei prossimi anni e oltre verso il futuro. Crediamo che ognuno di noi collaboratori abbia già preso la sua decisione di seguire la via della vita e della libertà. Lo scopo di questo laboratorio è di comunicare la nostra decisione agli esseri della Terra e dell’Universo e di radicarla nel corpo del pianeta come anche nel nostro corpo. Lo facciamo come una parte olografica (un frattale) dell’intera umanità.

PROGRAMMA (guarda anche il disegno allegato)

20.00 – 20.10 Sintonizzazione del gruppo
Il paesaggio dove ci incontriamo per il nostro laboratorio è nel punto più al Nord della spina dorsale d’Europa. Ci incontriamo sopra il grande corpo della Groenlandia.

  1. Per primo formiamo un cerchio come esseri umani sopra la Groenlandia, siamo consapevoli uno dell’altro e dello scopo comune del nostro convenire in questo momento.
  2. Poi invitiamo gli altri esseri della Terra e dell’Universo a unirsi a noi. Cerca di sentire la loro presenza e dà loro il benvenuto.
  3. Creiamo la nave spaziale eterica del nostro laboratorio con la quale viaggeremo giù, fino al Mar Rosso e torneremo alla Groenlandia.
  4. Rendi la nostra nave spaziale invisibile, potremmo toccare dei luoghi lungo il nostro viaggio che sono sotto severo controllo.

20.10 – 20.20 Puliamo il nostro corpo e il pianeta

  1. Immaginati che qui al Nord fa freddo come sempre eppure tu stai sudando terribilmente. Tutte le sostanze e schemi che non appartengono alla tua essenza lasciano il tuo corpo sotto forma di gocce scure.
  2. Poi ti rendi conto che anche i componenti del paesaggio stanno sudando (alberi, edifici, ecc.) e delle gocce scure fuoriescono da essi.
  3. Poi ti immagini che anche grandi città, complessi industriali, basi militari, ecc. in tutto il mondo stanno sudando! Le vecchie proiezioni e potenze umane stanno lasciando il pianeta.
  4. Tutti questi giganteschi fiumi di gocce scure si uniscono e scorrono nello spazio cosmico, attratti dagli anelli di Saturno. Gli anelli di Saturno rappresentano un impianto di riciclaggio capace di riconsegnare le particelle scure d’energia alla loro sorgente di luce.
  5. (Se durante il viaggio verso il Sud dovessi trovare delle situazioni che richiedono una pulizia, usa lo stesso metodo.)

20.20 – 20.30 Le acque focose d’Islanda
L’acqua sarà la compagna della nostra creazione questa sera. Cominciamo con le acque focose dei Geyser d’Islanda.

  1. Senti dentro di te l’acqua focosa dell’ispirazione di Gaia: come un Geyser ha la sua sorgente in fondo al tuo corpo. Le sue gocce d’ispirazione raggiungono tutti gli spazi e tutti gli angoli del tuo corpo e della tua coscienza.
  2. Immaginati che i Geyser dell’ispirazione di Gaia compaiano dappertutto sopra la Terra, ispirando le persone a staccarsi dai vecchi schemi comportamentali e facendole conoscere la loro vera essenza.

20.30 – 20.50 Collegare le acque della Terra
Procedendo verso sud, immaginati che stiamo al centro della Germania (al centro d’Europa) e che insieme ai nostri ospiti delle diverse dimensioni della vita formiamo un grande cerchio – effettivamente un grande contenitore.

  1. Immaginati che tutti i fiumi d’Europa mandino il 10% delle loro acque in quel contenitore.
  2. Immagina che anche i fiumi principali del mondo mandino il 10% delle loro acque in quel contenitore.
  3. L’acqua nel nostro contenitore è adesso così alta che tocca i nostri cuori. C’è uno scambio intenso di amore tra le acque del pianeta e i nostri cuori.
  4. Infine arriva l’Oceano Pacifico da est per toccare la parte posteriore del tuo cuore.
  5. L’Oceano Atlantico arriva da ovest per toccare la parte posteriore del tuo cuore. (Se necessario, cambia la tua posizione nel cerchio di conseguenza.)
  6. Senti le acque del pianeta perfettamente equilibrate dentro al tuo corpo e sul pianeta.

20.50 – 21.00 Collegamento cosmico dell’acqua

  1. Apriamo il nostro cerchio a sud e l’acqua che abbiamo raccolto nel nostro contenitore/cerchio si riversa felicemente sui draghi delle Alpi.
  2. Quando tocca le alte vette delle montagne, l’acqua si alza in una posizione verticale. Immagina colonne d’acqua che si alzano verso le stelle, incarnando l’ispirazione cosmica.
  3. Senti quelle colonne d’acqua dentro di te e apriti all’ispirazione cosmica che ti portano.

21.00 – 21.10 Prenditi un momento di riposo e scrivi le tue esperienze

21.10 – 21.20 La matrice della Terra

  1. L’acqua che abbiamo raccolta finora si allarga ai Balcani – Grecia inclusa.
  2. Estesa ampiamente sopra il paesaggio, simile a un campo d’energia, si muove circolarmente in senso antiorario, con il centro sopra il luogo delle Piramidi Bosniache.
  3. Durante il suo movimento lento incorpora i pattern della matrice della vita che Gaia e i suoi collaboratori hanno creato nel corso dell’evoluzione del pianeta.
  4. Senti lo stesso campo orizzontale dentro di te che si muove intorno al centro situato dietro il tuo ombelico.

21.20 – 21.30 L’esplosione di Beirut
Durante la preparazione di questo laboratorio è successo la terribile esplosione nel porto di Beirut che ha scosso lo spazio eterico tra i Balcani e il Sinai, importanti per la prossima sequenza del nostro percorso. È la conseguenza della collisione tra la Terra e un pianeta obsoleto con la sua civilizzazione, che è successa a livello eterico non tanto tempo fa. È un pianeta oscuro che ha smarrito il suo scopo nel cosmo; cerca di incarnarsi nella Terra e nell’umanità spingendoci sulla via sbagliata.
Per guarire la ferita nel Mediterraneo usiamo il rituale Gaia Touch della “Lacrima della Grazia Divina”:

  1. Alza le tue mani nel gesto della preghiera al livello del tuo cuore e fai cadere la goccia della tua compassione (relativa a una persona, un luogo o una situazione) nello spazio fra le tue mani.
  2. Inchinati verso la Terra, arrivando con la tua immaginazione fino ai regni nelle profondità di Gaia, la madre della vita. Forma una coppa con le mani e chiedi a Gaia una goccia del suo perdono relativo al disturbo o al ferimento fatto ad un dato aspetto della vita, di un luogo o dei suoi esseri.
  3. Raddrizzati e porgi la coppa delle tue mani (che contiene già la goccia della tua compassione e ora anche quella del perdono di Gaia) verso il cielo, chiedendo per la goccia della grazia divina.
  4. L’acqua guaritrice è ora stata raccolta in maniera omeopatica. Accompagna la coppa delle tue mani con la tua immaginazione verso meta prefissata. L’intento del tuo cuore e l’attenzione della tua consapevolezza costituiscono insieme un ponte per guidare l’impulso di guarigione nel posto dove c’è bisogno che esso arrivi.
  5. Ringrazia. Basato sul principio della fede personale e della telepatia, questo rituale può lavorare a distanze molto grandi.

21.30 – 21.50 Il Mar Rosso
Prima di raggiungere la nostra destinazione finale, il Mar Rosso, dobbiamo pulirlo affinché sia in grado di accettare la corrente d’acqua multidimensionale che abbiamo creato lungo il nostro viaggio verso il Sud.

  1. Immaginati che la Luna si avvicini al Mar Rosso. Ricordati che l’acqua segue i ritmi delle maree orchestrati dalla Luna!
  2. La Luna crea un risucchio così forte che attira tutta l’acqua del Mar Rosso a sé per pulirlo dalle proiezioni umane.
  3. Il Mar Rosso, ora prosciugato, si rivela un enorme portale alle dimensioni interne della Terra.
  4. Prima che la Luna restituisca l’acqua del mare del Mar Rosso, l’acqua che abbiamo portata dal Nord si riversa, superando le montagne del Sinai, nel bacino asciutto del Mar Rosso.
  5. Questo impulso sveglia il drago d’Europa, la forza vitale primordiale che dorme dietro il portale del Mar Rosso.
  6. Simile a un serpente d’acqua, il drago d’Europa si muove sul suo fondo come un fiume di acqua primordiale, per tutto la via lungo la spina dorsale d’Europa fino ad arrivare al punto più alto di essa, il paese della Groenlandia. Tocca la superficie della Terra con la sua benedizione in quei punti che abbiamo visitato sulla nostra via.
  7. Segui la via attraverso il tuo corpo dai talloni in su al chakra più alto – alto quanto puoi arrivare con le tue mani. Questa via non percorre la tua spina dorsale (come nella Kundalini) ma scorre come una corrente d’acqua dietro la tua spina dorsale e anche dietro tuo cranio, toccandoli in certi punti.

21.50 – 22.00 Conclusione

  1. Condividi le informazioni raccolte dentro al corpo d’Europa con gli altri continenti.
  2. Ringrazia gli altri e i nostri ospiti dei mondi paralleli.
  3. Scomponi la nostra navicella spaziale riconsegnando le particelle al tesoro universale e staccati dal nostro gruppo.
  4. Scrivi le tue esperienze prima che ti dimentichi di esse.

Condividi per favore le tue esperienze sul sito summenzionato dell’incontro LifeNet 2020.

NOTA
Saturno, la Luna, i fiumi e gli oceani che hanno un ruolo importante in questo lavoro, non sono solo pianeti o corpi d’acqua lontani, ma anche esseri archetipici vicini alla nostra coscienza.

Scarica il pdf QUI