Lavoro telepatico per Torcello

Share Button

Lavoro telepatico per Torcello
Mercoledì, 27 maggio 2020 dalle 20:00 alle 21:50
Proposto dall’Associazione Cosmogea, autore Marko Pogačnik

Stampate il programma e tenetelo vicino per poter lavorare sincronizzati oppure abbiatelo aperto sulla scrivania del PC o sullo schermo del telefono.
Siete pregati di non diffondete il programma sui social, potete mandarlo solo a coloro di cui siete certi che collaboreranno volentieri.

Torcello è un’isola che si trova nella Laguna di Venezia, 8 km a est di Venezia. La cultura veneziana ha avuto inizio proprio su Torcello e si è trasferita sul luogo attuale solo nel IX secolo. Hanno trasferito le case e sull’isola sono rimasti solo tre edifici sacri: la Basilica di Santa Maria Assunta, il battistero (oggi distrutto) e Santa Fosca.
Torcello è il predecessore di Venezia ed è responsabile per lo sviluppo di ciò che nello sfondo causale di Venezia si sviluppa come il seme della futura Terra.
Scopo del nostro lavoro è togliere i blocchi che impediscono la co-creazione tra Torcello e Venezia.

Programma
20.00 – 20.10 Connessione del gruppo
Prima ci prendiamo il tempo di percepire il gruppo che collabora (partecipiamo da casa).
Ci tocchiamo a vicenda e poi ci percepiamo come facenti parte di un largo cerchio che circonda i tre edifici sacri di Torcello che abbiamo menzionato.
Poi invitiamo ad unirsi a noi gli esseri elementari e gli altri esseri eterei che fanno da guardiani allo spazio di Torcello e tentiamo di percepirli.

20.10 – 20.30 Mosaico del Giudizio Universale del XII secolo nella Basilica
Sul mosaico Gaia, la creatrice della vita sulla Terra, è raffigurata nell’inferno seduta su di un mostro che divora un uomo. Le sue dimensioni divine sono demonizzate. I mostri dell’acqua divorano la sua mano creatrice.
Dentro di te raccogli tutte le forze del cuore che possiedi e indirizzale dappertutto sulla Terra, dove ci sono segni di odio verso la Terra e verso Gaia, la madre della vita.

20.30 – 20.40 il »Ponte del diavolo« sul sentiero che porta alla Basilica
Il Ponte del diavolo conduce verso il luogo che originariamente era la dimora di Pan, l’aspetto maschile di Gaia, l’intelligenza dominante della natura. In quel luogo vedo mozzata una testa gigantesca di Pan con una lunga barba bianca. È conficcata su di un palo per spaventare tutti coloro che vorrebbero connettersi con la natura e con la Terra.
Nello spazio del tuo cuore fondi l’immagine del Dio padre con la barba bianca e il personaggio di Pan, in modo da restituire a Pan la sua essenza divina.
Poi fai sapere a tutto il mondo che a Pan è stato restituito il suo status divino.

20.40 – 20.50 Il sangue del drago delle Alpi ucciso
Il motivo del terzo blocco di Torcello è l’uccisione del drago delle Alpi commessa per mano di un’antica popolazione nel Veneto del nord, in un luogo dove il Tagliamento scende in pianura. Il sangue del drago ucciso scorreva sulla pianura del Veneto finché non si è sparso nella laguna di Venezia e ha bloccato Torcello.
Immagina il drago delle Alpi che esce dal mare strisciando vicino a Nizza e poi si stende sopra l’Italia creando un arco verso est.
Estrai la freccia dal corpo del drago nel luogo dove era stato ferito. Ora la freccia vola in direzione opposta e scompare nella luce causale dietro alla tua schiena.
Poi tocca il punto ferito con il cristallo del tuo cuore e con il suo impulso curativo.

20.50 – 21.10 Tempo per prendere nota dell’esperienza

21.10 – 21.30 Torcello è il luogo dove si incontrano i giganti delle Alpi e il drago dell’Adriatico per scambiarsi i propri doni
Tutti e tre i blocchi impediscono che su di Torcello si incontrino i doni dell’elemento Acqua dell’Adriatico e i doni dell’elemento Terra (minerali) delle Alpi. I cristalli dell’Acqua vengono portati dal drago dell’acqua, mentre i cristalli della Terra vengono portati dai giganti delle Alpi.
Percepisci e osserva la bellezza del mare dentro di te – si trova dietro alla tua schiena.
Il drago dell’acqua è conservato nella memoria degli innumerevoli cristalli di sale marino. Trascina la memoria del drago attraverso il tuo cuore elementare in modo che partendo da lì (davanti a te) si crei il potente drago del mare.
Poi conduci il drago del mare attraverso lo spazio dell’Adriatico e osserva come tocca Torcello.
Poi immagina come dai minerali dei monti delle Alpi si creano dei giganti grandi come le montagne.
Si affrettano passando per la pianura del Veneto fino a Trocello portando con sé i cristalli delle Alpi più belli.
Sul territorio dei tre edifici sacri di Torcello avviene il rituale dello scambio di questi doni.
In questo rituale ha un ruolo decisivo una draghessa bianca. Fai conoscenza con questo essere della saggezza e con il suo ruolo nel processo che porta alla sintesi degli elementi dell’Acqua e della Terra (i minerali).
Gli esseri di Siddha conoscono la tecnologia con la quale si può trasformare questa sintesi in sangue della vita. Esso rende possibile l’incarnazione della coscienza (spirito) nella materia.
Ringrazia per questo dono che rende possibile a tutti noi (anche alle piante, agli animali e alle pietre) di esistere come esseri incarnati.

21.30 – 21.40 Collegamento con Venezia
Ora bisogna ancora percepire come Torcello è collegato con Venezia. Venezia non può adempiere alla propria funzione di creatrice di un nuovo spazio della Terra se non è connessa con Torcello. Torcello è il muscolo cardiaco che porta a Venezia la forza vitale (il sangue sacro della vita).
Bisogna rinnovare questo collegamento di risonanza tra il muscolo cardiaco di Torcello e il corpo di Venezia e scoprire come sono collegati tra di loro – indipendentemente dai loro legami storici.

21.40 – 21.50 Conclusione
Ringraziamo per l’esperienza e avvolgiamo Torcello in un manto protettivo. Ringraziamo per la collaborazione anche gli esseri della laguna di Venezia.
Ci ringraziamo tra di noi e sciogliamo il nostro cerchio. Annotatevi l’esperienza per poterla poi condividere con gli altri partecipanti.

 

Scarica il Pdf QUI